DESIDERI: ECCO 8 PASSI PER SODDISFARLI

Questi 8 passi ti aiuteranno a manifestare i tuoi desideri.

Chiedi una guida

Il cuore è l’organo più vicino alla tua anima, molto più della tua mente che facilmente si ritrova confusa e piena di dubbi. Questo non significa che dovrai abbandonare il tuo buon senso e la tua mente razionale ma che dovresti sempre ricordarti del tuo primo impulso, quello che nasce dal cuore.

  • Siediti nella quiete, chiudi gli occhi e porta la tua consapevolezza al centro del tuo cuore, nel mezzo del tuo petto.
  • Domandati “cosa voglio veramente? Cosa desidera la mia mente?” Ed ascolta. Prova a non giudicare o valutare. Limitati ad ascoltare il messaggio del tuo cuore.

Puoi anche chiedere consiglio agli amici ed a persone che ne sanno più di te ma domanda solo ciò che poi potrà supportare i tuoi obiettivi.

Focalizza la tua attenzione

Porta la tua attenzione al settore della tua vita che vuoi che cambi o dove tu vuoi che il desiderio si manifesti. In questo modo focalizzi l’energia in quell’area.

Definisci un’intenzione

E’ importante essere sicuri di desiderare quello che realmente si vuole. L’oggetto della tua attenzione inevitabilmente inizierà a crescere. Per esempio invece di desiderare che il dolore al tuo ginocchio se ne vada e quindi focalizzarti sul dolore, focalizzati sul desiderio di essere di nuovo capace di correre, saltare e ballare liberamente.

Una volta stabilita l’intenzione, esprimi il tuo desiderio con una semplice frase. Questo darà la direzione all’energia e la attiverà al fine di manifestare il tuo desiderio.

Libera i tuoi desideri

Il prossimo passo è quello di liberare il tuo desiderio verso l’Universo. Questo dovrebbe essere fatto all’inizio o al termine della tua meditazione, oppure prima di andare a dormire la sera. Questi sono i momenti in cui tu sei più vicino alla tua anima. Con l’attenzione focalizzata, ripeti silenziosamente il tuo desiderio e lascia che si sedimenti nel silenzio. Questo è come piantare il seme del desiderio nel campo dell’infinito potere organizzativo dell’Universo.

Distaccati dai risultati

Lascia che l’Universo gestisca i dettagli. Se rimani ancorato al risultato di un desiderio limiti le tue possibilità ad un unico risultato. Il distacco è come dire: “questo è quello che penso e quello che voglio ma per favore, se c’è qualcosa di meglio, fatemene accorgere”. La tradizione Veda sostiene che desiderare solo la conclusione di un’azione implica la mancanza di fede nella volontà del divino di darci tutto.

Pratica la pazienza

Nel mondo di oggi è facile limitarsi a volere una gratificazione istantanea ma ricorda che nella tua essenza tu sei eterno. La Natura si muove seguendo ritmi e cicli e tutto ha una sua stagione. Affrettando le cose spesso finisci con qualcosa di scarso valore. Fidati e permetti all’Universo di dispiegarsi nella sua perfezione. Sempre nella tradizione Veda si dice che quando utiliziamo il nostro potere in modo giusto, tutte le cose buone fluiscono verso di noi.

Impara l’accettazione

Ogni momento è sempre perfetto. Qualche volta devi accettare che l’Universo abbia un piano migliore per te. Accettare il momento presente ti permette di vedere le opportunità e creare il tuo futuro perfetto.

Trova il tuo appagamento

Goditi l’abbondanza che si manifesta ogni giorno intorno a te. Il tuo desiderio ultimo è di essere capace di soddisfare spontaneamente tutti i tuoi desideri. Questo può solamente accadere in uno stato di consapevolezza in cui ti troverai in completa armonia con tutte le leggi della Natura. Non c’è più bisogno di desiderare che le cose che desideri si presentino a te nel momento e nel posto giusto.

2 Commenti

  1. Elisabetta Chiandetti-
    6 gennaio 2019 at 11:51

    Buongiorno e buon proseguimento! Un chiarimento per favore, questo passo:
    “Il prossimo passo è quello di liberare il tuo desiderio verso l’Universo. Questo dovrebbe essere fatto all’inizio o al termine della tua meditazione, oppure prima di andare a dormire la sera” è da fare solo nel momento in cui si definiscono i desideri o è da ripetere? Se è da ripetere, con quale frequenza? Quotidiana? Settimanale? Mensile?…? Grazie per la risposta, buona domenica.

  2. Saschinka Gorguinpour-
    27 dicembre 2018 at 16:09

    Oggi riflettevo sulla mia difficoltà a seguire i 21 giorni da sola, nel senso che pur avendo quasi sempre acquistato le meditazioni, fatico a rispettare il programma come invece faccio (quasi) diligentemente quando ne parte uno collettivo. Allora tra me dicevo che avevo bisogno di un altro momento guidato da Deepak e, incredibilmente, è arrivata la mail con i link a questi articoli. Mi stupiscono sempre queste (non) coincidenze.

Dicci la tua!

Devi essere connesso per inviare un commento.