Esercizi di Meditazione Per Calmare l’Ansia

Praticare la meditazione consapevole consente ai praticanti di poter gestire i sentimenti negativi di stress e ansia ma può anche diventare una vera e propria tecnica di rilassamento per coloro che soffrono di disturbi di panico. Questa tecnica di meditazione può aiutarti a rallentare i pensieri negativi che si affastellano nella mente e ci aiutano a lasciar andare la negatività e calmare sia la mente che il corpo.

Una ricerca scientifica effettuata su persone di età e provenienza diversa, ha dimostrato quanto siano efficaci i risultati di una pratica meditativa svolta in maniera corretta. Uno studio del 2015, ad esempio, ha dimostrato un calo significativo dell’ansia e dello stress tra gli studenti infermieri che praticano tecniche di meditazione consapevole. Risultati simili si sono avuti anche dopo uno studio su adolescenti negli Stati Uniti con diagnosi di ansia. Il filo conduttore tra questi e altri studi è il modo in cui la meditazione consapevole aiuta le persone, in particolare quelle che soffrono di panico e ansia, che spesso temono il futuro a causa delle delusioni del passato, a concentrarsi sul momento presente.

Le Tecniche di Meditazione Per Alleviare l’Ansia

Quando si inizia a meditare per la prima volta, si potrebbe rimanere sorpresi di quanto possa essere difficile stare seduti in silenzio. In effetti, l’atto di stare seduti potrebbe aggravare il peso dei tuoi pensieri e mettere il turbo all’ansia. Per iniziare con la pratica, rilassati con sessioni di pochi minuti. Una volta sviluppata una pratica più regolare e familiare, puoi aumentare gradualmente il tuo tempo. È anche opportuno meditare in una zona della casa in cui non vi sono rumori molesti o motivi di interruzione legati all’ambiente circostante o eventuali rischi di interruzione legati ad animali domestici o telefoni. Togli tutto ciò che hai addosso comprese scarpe e indumenti che possono opprimerti. L’obiettivo è meditare in uno spazio ideale e intimo che sia il più tranquillo e confortevole possibile. Una volta stabilito il tempo da dedicare alla sessione e il luogo dove svolgerla, possiamo iniziare a costruire le basi per gli esercizi di meditazione attraverso semplici passaggi.

Troviamo una posizione comoda. Molte persone amano stare sedute nel pavimento incrociando le gambe, tenendo la colonna vertebrale alta e rigida. Altre persone preferiscono stare sedute distendendo le gambe in posizione verticale. Ognuno, anche con l’esperienza quotidiana, riesce poi a trovare una posizione che gli consenta di stare a proprio agio in modo da non distrarre il tuo corpo. Attenti però a non utilizzare posizioni che potrebbero indurre sonnolenza. Sappi che puoi cambiare posizione in qualsiasi momento se ti senti a disagio o sviluppi crampi muscolari. Adesso volti la tua consapevolezza al presente. Una volta trovata la posizione ideale, concentra il pensiero solo su te stesso e su nient’altro. Dunque, chiudi gli occhi e fai respiri profondi.

Nota semplicemente il tuo schema di respirazione, ma non cercare di cambiarlo; questo aiuterà a concentrare la tua consapevolezza al momento presente. Se noti che la mente tende ad indirizzarsi verso i soliti pensieri negativi, riporta l’attenzione sul tuo respiro. Riconosci i tuoi pensieri. Inizialmente, praticare la meditazione può aumentare i sentimenti di ansia o autocritica. E’ normale chiedersi se stiamo praticando nel modo corretto o meno. Piuttosto che cercare di sopprimere quel dialogo interiore, accettalo e aspetta che passi. Questo ti aiuterà a imparare ad affrontare i pensieri negativi senza rispondere. Nel frattempo noterai una riduzione dell’ansia e una maggiore pace interiore. Quando senti di aver raggiunto l’obiettivo desiderato, solo allora potrai aprire gli occhi. Esci gradualmente dalla meditazione e poi rifletti sull’esperienza vissuta. Fare questi esercizi ogni giorno ti aiuterà a tenere sotto controllo i pensieri negativi e a vivere con maggiore armonia il tuo rapporto con l’ambiente esterno, sia esso lavorativo o familiare.

I Risultati Della Meditazione Consapevole

Una volta che hai costruito le fondamenta della tua pratica, potresti notare come i precedenti sintomi di ansia – come rimuginare su eventi passati o insonnia – siano notevolmente ridotti. Ma ovviamente servirà un pò di pratica prima di ottenere risultati tangibili. Praticare la meditazione consapevole non ci consente di cancellare tutti i problemi come se avessimo una bacchetta magica. Sperimenta con la tua pratica per trovare ciò che funziona meglio per te. Le sessioni di meditazione consapevole possono essere eseguite in ogni momento della giornata. Potresti scoprire che meditare al risveglio ti aiuta a ridurre l’ansia mattutina. Alcuni amano anche meditare la sera per riposare meglio la notte. In ogni caso, avrai bisogno di diverse sessioni per capire qual è il percorso da seguire verso la serenità e la stabilità interiore.

Dicci la tua!

Devi essere connesso per inviare un commento.