Insonnia e Depressione, Ecco La Cura Naturale

I sentimenti di autostima e felicità fluttuano in modo naturale nel corso della nostra vita. I problemi di umore e di salute mentale rappresentano ancora un problema per una fetta rilevante della popolazione mondiale. Soprattutto la depressione e l’insonnia sono due disturbi che colpiscono milioni di tutte persone di ogni età. Si stima che in futuro una persona su sei soffrirà di un disturbo mentale serio e tale da giustificare una diagnosi e un trattamento. Non sempre i farmaci rappresentano l’unico trattamento o l’unico rimedio per ovviare a questi stati di malessere psicologico. Molti casi addirittura non verranno mai diagnosticati anche se questi stessi soggetti avranno difficoltà con la vita di tutti i giorni. Date le dimensioni e gli effetti della depressione e dell’insonnia, sia sulla vita personale che sul posto di lavoro, trovare un modo per alleviarne i sintomi e gli effetti è di fondamentale importanza. La meditazione consapevole aiuta molte persone che soffrono di depressione e insonnia a combattere questi due fastidiosi “mostri” che fanno peggiorare di molto la qualità della nostra vita.

Gli Effetti fisici della depressione e dell’Insonnia

La depressione non influenza solo i nostri pensieri e sentimenti. I cambiamenti fisici si verificano nel nostro cervello e nel nostro corpo quando sperimentiamo questa condizione della mente, che qualche volta può anche diventare invalidante. Con l’ansia, la nostra frequenza cardiaca aumenta e questo mette sotto stress il nostro cuore. Questo può portare a ipertensione e malattie cardiache, ma non finisce qui. La nostra respirazione rapida e superficiale può avere un impatto negativo sui sintomi dell’asma. Esiste anche un legame tra ansia e un tasso metabolico più lento, ma l’aumento dell’acidità di stomaco che porta a problemi gastrointestinali, erosione dello smalto dei denti, bruciore di stomaco, mal di stomaco e diarrea. Gli effetti fisici della depressione sono altrettanto gravi, ma colpiscono diverse parti del nostro corpo. Cambia anche la struttura del nostro cervello: è stato scoperto che il restringimento ha un impatto sull’ippocampo, sul talamo, sull’amigdala, sul lobo frontale e sulla corteccia prefrontale. Queste aree sono importanti per la gestione del sonno e dell’umore. La depressione è stata anche collegata alla riduzione dell’ossigeno nel nostro corpo, al sistema immunitario a prestazioni inferiori e all’obesità. L’insonnia può essere un disturbo collaterale all’ansia e alla depressione. Quando la nostra mente è rivolta completamente ai pensieri quotidiani che ci angosciano, riuscire a prendere sonno diventa una vera e propria battaglia. Svegliarsi la mattina già stanchi dopo una notte da incubo fa male al nostro corpo e alla nostra mente.

Come Funziona La Meditazione in Una Mente Depressa

La meditazione non si limita a insegnarti come lasciare andare i pensieri. È stato scoperto che la pratica fornisce tutti i tipi di benefici e causa molti cambiamenti fisici benefici nel nostro corpo e nel nostro cervello. Dall’aumento naturale dei nostri livelli di serotonina e norepinefrina alla costruzione della materia grigia del cervello. Questi benefici si combinano per combattere ansia e depressione senza bisogno di farmaci. La meditazione allena il nostro cervello a concentrarsi e lasciar andare pensieri, emozioni e sensazioni fisiche. Inizialmente, questo può aiutarci a mettere la distanza tra noi stessi e pensieri ansiosi o depressivi. Ci insegna che non siamo i nostri pensieri e ci dà anche lo spazio per sperimentarlo.

Mentre continuiamo a praticare la meditazione, si verificano altri cambiamenti. La maggior parte degli studi rileva che questi cambiamenti avvengono dopo circa 6-8 settimane di pratica. Il legame tra la nostra corteccia prefrontale (la parte del nostro cervello che usiamo per pensare a noi stessi) e l’amigdala (da cui proviene la nostra risposta di lotta o fuga) è indebolito. Ciò si traduce in noi che produciamo meno cortisolo quando compaiono pensieri ansiosi e depressivi.

Mentre questa connessione si indebolisce, la corteccia prefrontale laterale viene rafforzata. Questa è la parte del tuo cervello che è responsabile della regolazione delle tue risposte emotive. Non solo questa parte del nostro cervello diventa più attiva, ma forma anche una connessione più forte con l’amigdala. Questo ci consente di valutare pensieri e sentimenti in un modo più razionale piuttosto che le risposte istintive di lotta / fuga su cui si lavora. Inoltre, la parte dorsomediale della corteccia prefrontale è maggiormente coinvolta nel modo in cui elaboriamo le informazioni su noi stessi e sugli altri. Il risultato naturale di ciò è una maggiore empatia e compassione per tutti, compresi noi stessi. Con la meditazione consapevole impariamo a mettere da parte tutti quei pensieri negativi che ci pervadono la vita e ci inducono a non accettare la realtà. Riusciamo a concentrarci sul presente e a diventare noi stessi i padroni delle nostre emozioni e non viceversa.

Dicci la tua!

Devi essere connesso per inviare un commento.