Sonno Rigenerante in 7 Giorni con La Meditazione

Dopo una lunga e spossante giornata trascorsa in ufficio è normale desiderare una notte di necessario e ristoratore riposo. Sei stanco, assonnato e stai aspettando quel momento molto prezioso in cui la tua testa finalmente si posa sul cuscino. Spesso però la tua mente scorre l’infinita lista di cose da fare e torna a concentrarsi sulle conversazioni avute in giornata o sui problemi che ti affliggono. Come conseguenza di tutto ciò, finirai per non dormire bene la notte.

In tutto il mondo, milioni di persone hanno cattive abitudini di sonno, che influiscono sul loro stile di vita e sul loro benessere. Allora qual è la soluzione? Il miglior aiuto naturale per il sonno è quello di purificare la mente dai pensieri negativi assicurando un completo rilassamento. Un risultato che si può conseguire in soli 7 giorni con la meditazione del sonno.

Cosa succede al corpo quando ci addormentiamo

Per molte persone dormire è semplicemente un momento in cui il corpo e il cervello si spengono per alcune ore ogni notte. L’obiettivo è riposarsi e prepararsi per il giorno successivo. Tuttavia, dormire significa molto di più. Gli scienziati hanno dimostrato che né il corpo né il cervello si spengono completamente quando dormiamo. In realtà, uniscono le forze per lavorare ancora di più sottoponendosi a processi per migliorare la salute, ripristinare le cellule ed elaborare le informazioni. Il sonno si articola in due fasi fondamentali: REM (in cui si verifica il movimento rapido degli occhi) e non REM. Trascorriamo quasi un quarto delle nostre vite dormienti nella fase REM. È nota per essere una fase di potente attività cerebrale, segnata da quei sogni lucidi che siamo in grado di ricordare la mattina successiva. Oltre a darci sequenze di sogni fantastici o strani, questa fase è responsabile dell’elaborazione dei ricordi e del consolidamento delle informazioni. Si ritiene che il sonno non REM abbia tre fasi distinte. Nella fase più importante il nostro organismo abbassa la frequenza cardiaca e riduce la frequenza respiratoria e la temperatura corporea.

Sebbene ci siano state molte scoperte sul sonno, questo fenomeno rimane ancora avvolto dal mistero. Gli scienziati hanno lottato per individuare una ragione concreta per spiegare perché gli animali e gli esseri umani hanno bisogno di dormire ogni notte. Tuttavia, si può affermare con sicurezza che dormire, oltre ad essere estremamente piacevole, offre al corpo la possibilità di riprendersi dalla vita quotidiana e facilita funzioni come la memoria e l’apprendimento.

Se hai passato notti irrequiete a ricapitolare gli eventi della giornata o a scorrere le tue infinite liste di cose da fare, c’è una soluzione. Non sono sonniferi o ipnosi, ma la cosiddetta meditazione per dormire: un metodo potente per ridurre le notti insonni allenando la mente ad essere più consapevole del momento presente e lasciar andare i pensieri negativi. Una volta che ci poggiamo sui cuscini, pensieri e preoccupazioni in corsa iniziano a inondare le nostre menti. Fortunatamente, le pratiche meditative sono in grado di controllarli.

La Meditazione per Ritrovare il Sonno Perduto

Quando parliamo specificamente della meditazione del sonno profondo, ci riferiamo a un’antica tecnica che produce uno stato di profondo rilassamento. La tecnica è chiamata Yoga Nidra, che in sanscrito assume il significato di sonno. Coloro che desiderano raggiungere una mente e un corpo rilassati in modo olistico sono spesso attratti dalla meditazione per dormire. L’esperienza della meditazione del sonno di solito comporta un viaggio che offre un aiuto naturale per il sonno. Questo ci permette di mettere da parte le negatività della giornata trascorsa per concentrarsi sul presente e viverlo appieno. Quindi la mente è in grado di riposare mentre contemporaneamente riposa il corpo. Scientificamente parlando, la meditazione aiuta il nostro corpo abbassando la frequenza cardiaca attraverso l’accensione del sistema nervoso parasimpatico. Questo porta a uno stato di rilassamento profondo, che agevola la respirazione, massimizzando quindi la qualità di un buon sonno notturno.

C’è una bella differenza tra essere addormentati e la meditazione del sonno. Quando dormiamo, il nostro sistema nervoso rimane relativamente inattivo. Durante quella che è nota come fase di movimento rapido degli occhi o sonno REM, la nostra coscienza è fondamentalmente in stand by. Ovviamente in questa fase non si è coscienti e non si ha contezza di ciò che sta accadendo attorno. Non sei presente in questo momento. D’altra parte, la meditazione del sonno è una pratica per calmare la mente che si svolge ogni volta che sei completamente sveglio (sebbene profondamente rilassato) e la tua mente cosciente è attiva. Ciò significa che sei pienamente consapevole di ciò che sta accadendo; sei coscientemente del momento che vivi e sei in grado di controllare i tuoi pensieri. Ciò che hanno in comune il sonno e la meditazione sul sonno è la capacità di rilassare profondamente il corpo e produrre onde cerebrali a bassa frequenza. Entrambi i processi creano molti benefici che hanno spiegazioni anche scientifiche. Con una sessione di sedute di meditazione di soli 7 giorni è possibile ritrovare il sonno perduto e dormire in modo pieno e in totale rilassatezza. Sul sito ufficiale di Deepak Chopra sono presenti dei corsi dedicati proprio alla cura dell’insonnia che si effettuano in 7 giorni e che aiutano anche chi vuole iniziare a meditare, a poterlo fare in totale autonomia e con risultati eccellenti.

Dicci la tua!

Devi essere connesso per inviare un commento.