Quante volte ci sentiamo bloccati e abbiamo come la sensazione che una nuvola nera aleggi su di noi? Il non riuscire ad andare oltre per liberarci da queste sensazioni è solo questione di strategia.

Una strategia è semplicemente un piano, un metodo o una serie di manovre per ottenere uno specifico obiettivo o risultato. Nel nostro inconscio abbiamo migliaia di strategie per qualsiasi cosa facciamo, quando ci laviamo i denti, quando guidiamo o ogni volta che dobbiamo risolvere dei conflitti. Sono “strategie” che vengono fuori dal nostro inconscio automaticamente e nel momento in cui non ne abbiamo una rimaniamo bloccati e entriamo in uno stato di confusione e negatività.

Di seguito alcuni consigli per uscire da stadi di negatività cronica.

1. CREARE LA STRATEGIA

Innanzitutto abbiamo bisogno di scoprire dove siamo bloccati e decidere come vogliamo sentirci. Per esempio, soffriamo di procrastinazione e vogliamo essere motivati, siamo confusi e vogliamo essere risoluti, sopraffatti ed avere controllo di tutto e così via.
Secondo, dobbiamo comprendere lo stadio intermedio che ci sbloccherà e ci porterà allo stato desiderato. In alcuni casi questo stadio intermedio potrebbe essere negativo. Per esempio, se il blocco è la procrastinazione lo stadio intermedio sarà un sentimento di frustazione e solo quando ne avremo abbastanza, potremmo sentirci motivati ! Dunque, da due sentimenti negativi come la procrastinazione e la frustrazione si arriva allo stadio desiderato positivo della MOTIVAZIONE.

In altri casi, lo stadio intermedio può essere positivo. Per esempio, una persona apatica per arrivare ad uno stadio dinamico sarà spinto dalla curiosità e dall’ ispirazione.

Tuttavia, ognuno di noi decide la propria strategia: il punto importante è che ogni stadio intermedio deve portarci ad un movimento, non importa se positivo o negativo. Per esempio, la felicità è uno stato positivo, ma non provoca un’azione quindi non è uno stadio che aiuta a muoverci. La frustrazione al contrario, è uno stato negativo ma può ispirare movimento perché più ci sentiamo frustati più vogliamo abbandonare questa sensazione. La cosa importante che ogni sentimento deve essere abbastanza intenso per farci andare verso un nuovo stato mentale, attraverso l’auto- motivazione. Gli altri possono darci una mano ma la maggior parte del lavoro parte da noi.

2. INTERIORIZZARE LA STRATEGIA

Una volta scoperta la strategia bisogna interiorizzarla. Se per cambiare comportamento c’è bisogno di molto tempo, per interiorizzare una nuova strategia bastano una manciata di minuti. Mentre lo facciamo dobbiamo assicurarci che lo stiamo facendo per noi stessi e dobbiamo pensare al nostro passato. Tutto ciò è chiamato “associazione” che permette di inserirci realisticamente nell’esperienza.
Per capirlo meglio, di seguito un esercizio per passare – per esempio- da uno stadio di apatia a uno stadio di ispirazione.

1. Chiudiamo gli occhi e immaginiamo di essere in uno stato di apatia.

2. Immaginiamo ora, di muovere noi stessi in uno stato di curiosità. Immaginiamo un momento nel quale ci siamo sentiti davvero curiosi su qualcosa che ci ha spinto a leggere di più o a saperne di più e che ci ha generato un forte senso di eccitazione.

3. Mentre siamo in questo stato, pensiamo a uno specifico momento di quanto ci siamo sentiti eccitati per qualcosa. Cerchiamo di rivedere cosa abbiamo visto, sentito e cosa realmente ci ha inspirato, interiorizziamo il tutto perché questa è la nostra “nuova strategia” per passare da uno stato di apatia ad uno di ispirazione.

Questo processo si chiama “ancoraggio” ed è una tecnica della PNL che ci aiuta rivivere un momento positivo del passato per interiorizzarlo e renderlo parte integrante del presente per vivere e superare momenti difficili e farne una strategia ogni volta che ci proviamo lo stesso sentimento.

È necessario praticare questa strategia ogni volta che ci sentiamo in uno stato negativo. La focalizzazione è importante per installare in brevissimo tempo le nuove strategie per vivere meglio.

Sperimenta le Meditazioni gratuite con Deepak Chopra

 

Dicci la tua!

Devi essere connesso per inviare un commento.