Sviluppare Una Mentalità Dell’Abbondanza

Il nostro modo di pensare e di interpretare la vita può influire in modo sostanziale sugli eventi che ci accadono nel corso della nostra esistenza e influire sul creare Abbondanza. Una ricerca ha evidenziato come il modo in cui pensi a te stesso e al mondo intorno a te può anche influenzare il modo con cui impari le cose, come gestisci lo stress, come crei il successo. Ma può anche influenzare la tua capacità di resilienza dopo un insuccesso o una tragedia e può perfino influenzare il tuo sistema immunitario. Stephen Covey è stato colui che ha usato per la prima volta il termine “mentalità dell’abbondanza” in un libro scritto nel 1989, che riscosse un grande successo di vendite. La mentalità e l’attitudine all’abbondanza si contrappone alla mentalità di scarsità in base alla quale, se il nostro avversario ottiene successo per noi è una sconfitta. In fondo è un concetto molto simile all’invidia che spesso ci logora interiormente e non ci fa vivere serenamente.

Quello che bisogna fare è cambiare questo modo di vivere in negativo. Non è detto che se il tuo avversario o il tuo nemico sta vincendo, tu stia perdendo. Nella vita è anche possibile vincere in due. La convinzione prevalente è che creare una mentalità di abbondanza ti permetta di vivere una vita piena e soddisfacente. La persona che vive con una mentalità rivolta all’abbondanza trasuda felicità nonostante le circostanze ed è in grado di dare e ricevere affetti e oggetti di alto valore con facilità. E’ di cruciale importanza sentirsi abbondanti, creativi e ispirati. Sfrutta appieno e goditi le nuove opportunità che ti vengono incontro. Chi vive con una mentalità abbondante crea esperienze di vita memorabili e significative Sentiti sicuro e fiducioso nei tuoi impegni di vita e crea risultati di successo. Esistono molti modi per vivere l’abbondanza e sviluppare una mentalità adeguata a vivere una vita sempre piena e felice in ogni circostanza.

I Passaggi Per Acquisire Una Mentalità “Abbondante”

Il primo passaggio da fare è quello di valorizzare il potere dei tuoi pensieri. Coltivare la consapevolezza può aiutare a decifrare quando i tuoi pensieri creano una mentalità di scarsità o abbondanza. Bisogna sempre fare attenzione al tipo di pensieri che circolano nella tua testa, puoi iniziare a fare uno sforzo consapevole per spostare i tuoi pensieri verso l’abbondanza.

Il secondo passaggio è quello di praticare la gratitudine Praticare la gratitudine è uno degli strumenti più potenti e ampiamente riconosciuti per creare abbondanza e felicità. Esistono numerosi studi sul potere della gratitudine sul benessere. Secondo gli insegnamenti di Oprah Winfrey guardare ciò che non si ha nella vita non ci consentirà mai di ottenere l’abbastanza. Il terzo passaggio è quello di credere che il cielo sia il limite. Il nemico dell’abbondanza è una consapevolezza contratta. Un divertente studio di Harvard ha scoperto che quando le persone si concentrano intensamente su una cosa in particolare, le altre possibilità di fronte a loro passano completamente inosservate. È vitale allentare la concentrazione della mente e creare una consapevolezza espansa che favorisca la mentalità dell’abbondanza.

Il quarto passaggio è quello di coltivare e condividere le tue passioni e il tuo scopo. Capire e creare fiducia nelle cose in cui sei bravo e che ami fare è un modo eccellente per promuovere la fiducia in te stesso. Impara come condividere i tuoi doni e fornire valore servendo coloro che trarrebbero maggior beneficio. Il quinto passaggio è quello di sviluppare esperienze di maestria. Il modo migliore per creare l’autoefficacia, che è la profonda conoscenza che puoi creare tutto ciò che vuoi nella vita e vivere in abbondanza, è creare consapevolmente esperienze di maestria. Le esperienze di maestria sono esperienze passate di successo che creano maestria in un’area. Il sesto passaggio è quello di scegliere le tue parole con saggezza. Il linguaggio che usi, così come quello che dici a te stesso e agli altri, dà forma alla tua realtà. Il settimo passaggio prevedere di costruire una mentalità di crescita.

La psicologa Carol Dweck ha elaborato il concetto di mentalità di crescita. Nel suo libro scrisse che la mentalità di crescita ci porta a credere nelle nostre abilità di base con la piena convizione che tali abilità possano essere sviluppate attraverso duro lavoro e l’abnegazione. Secondo la psicologa il cervello e il talento sono solo il punto di partenza. Grazie a questa visione si può sviluppare e coltivare la passione per l’apprendimento e “una resilienza che è essenziale per ottenere grandi risultati “. L’ottavo passaggio richiede di pensare come un principiante. Una mentalità dell’abbondanza desidera ardentemente l’apprendimento e la crescita, richiedendo una conoscenza di fondo che non sai tutto, anche sugli argomenti che potresti aver imparato.. La mentalità del principiante consiste nell’avere la capacità di mantenere un atteggiamento di apertura ed entusiasmo, insieme alla volontà di ignorare i preconcetti esistenti.

Il nono passaggio prevede di notare il buono (oppure di vedere il bicchiere mezzo pieno). Gli esseri umani hanno la tendenza a notare ciò che è male più facilmente di ciò che è buono. Non è colpa tua. Il tuo cervello è effettivamente cablato in questo modo grazie all’evoluzione. Gli antenati esperti sono sempre stati in gradi di interpretare le minacce accrescendo le probabilità di sopravvivere e trasmettere il loro DNA ai discendenti. Ma gli ottimisti fanno affidamento su una mentalità dell’abbondanza e conducono vite migliori e più lunghe. Il decimo passaggio contempla l’uso di affermazioni positive. Secondo uno studio della Carnegie Mellon University usare spesso affermazioni positive accresce anche le capacità di risoluzione dei problemi e diminuisce i sintomi dello stress.

2 Commenti

  1. Matteo Cilenti-
    28 Marzo 2021 at 15:58

    Grazie davvero molto interessante

  2. Gustavo Woltmann-
    19 Marzo 2021 at 21:00

    Interessantissimo! L’ho letto con vivo interesse per tutto il tempo 🙂 Grazie dell’ispirazione!

Dicci la tua!

Devi essere connesso per inviare un commento.